Oscuritades

maxresdefault
[Image from web]

In questo paesaggio assolato, come taluni piccoli rettili, io trovo riparo solo all’ombra di me stesso. Levato sopra il continuum seguo il flusso dell’energia che la Terra emana nel suo disperato tentativo di congiungersi al Sole in un amplesso che la trarrà in una nuova e più alta dimensione.
Io tramite. Io catalizzatore. Io unico spettatore seduto sul palco. Io unico attore su questo palcoscenico dell’esistenza.
Io seguo con lo sguardo della memoria le onde del mio passato, il vortice che non poté inghiottirmi. La vita, ora, in questo cuore antico eppure nuovo. La mia essenza si radica in questo presente, con gli occhi ben fissi all’Oriente. Gli elementi scatenati, nella loro furia primordiale, mi prendono in loro balia fintanto che la mia volontà ritrova se stessa più forte e più viva.
Io fremente. Io silente.
Unica forza è quella che tace, che non si doma. Seul le silence est grand, tout le rest est faiblesse. Ed io, che eterno duro, conosco l’attrazione dell’abisso, il richiamo dell’oblio, la falsa pace quando il cuore cessa di pompare ed il sangue di scorrere rosso e caldo nelle vene. Mia condanna, mia forza, mio tutto è resistere. Esserci, questo è ciò che sono. Esserci fintanto che il fuoco arde. Esserci ad alimentare le fiamme. Esserci sempre ed anche oltre.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...